giovedì 27 marzo 2014

fare delle scelte di vita

fare delle scelte importanti nella vita e' sempre difficile.
io ne ho fatta una e solo con il tempo, sono riuscita a capire che e' stata la migliore.
avrei potuto avere una casa magari investendo poco senza mutuo di anni e anni vivere  a casa della nonna paterna, mi avrebbe aiutato con la gestione di mattia avrei avuto un grande giardino cn il quale il pupo poteva farne di cotte e di crude.
ho fatto una scelta di stare qui dove abito ora, qui ho i miei amici...la mia famiglia mia sorella.. vero ho un appartamentino piccolo con un terazzino non tanto grande, ma ho l asilo vicino la scuola a due passi un parco giochi e tanto verde.
ora per dire la mamma del mio compagno non sta tanto bene a spesso male la schiena, come avrebbe potuto quindi tenermi mio figlio aiutarci..?
io lo avrei fatto unicamente solo per quello.
cn il tempo si sono viste le cose, e ora sono davvero consapevole della scelta fatta..
per potervi spiegare tutto bene, mi ci vorrebbe una giornata intera..oggi comunque l aria questo vento mi ha schiarito le idee...

giovedì 20 marzo 2014

quando il lavoro vieni prima di un figlio.

ci sono delle cose che io nn concepisco, quelle mamme che il lavoro viene prima di tutto anche di un figlio..ora, e' vero che senza il lavoro pochi campano, che per guadagnare la pagnotta bisogna lavorare, ma dipende come.
all asilo che frequenta mattia, parlo spesso cn una mamma in dolce attesa..una mamma molto di frettA ogni qualvolta che usciamo in atrio per i saluti lei incita la bimba a andare via presto perché deve lavorare..sono venuta a sapere che lavora in proprio.
la bimba ci resta sempre male, piacerebbe anche a lei fermarsi cn gli altri amichetti al parco, ma la mamma non la fa rimanere neppure mezzora continua a dirglielo in continuazione.
da qualche giorno non vedo piu' questa mamma...ho visto che chi viene a prendere la bimba e' la mamma di lei, una signora abbastanza giovanile molto di fretta anche lei, le ho chiesto come stava la figlia se avesse avuto problemi con la gravidanza, mi ha detto che l hanno messa a riposo, e che per qualche settimana faticheremo a vederla..mi ha parlato del suo lavoro che e' sempre di corsa che sai non ci si puo' fermare..hanno un azienda a cui non si puo' restare ferme etc...poi cn un sospiro ha detto ma prima la salute del bimbo, da come mi e' sembrato non mi sembrava molto vera nel dirlo..
mi ha spiegato che lavora tutto il giorno e non si ferma mai..che la bimba la vede alle sette e mezza di sera dalla mattina..
il prossimo che arrivera' fara' la stessa fine, andra' al nido a quattro mesi e lo lascera' li' tutto il pomeriggio per poi vederlo anche lui la sera tardi..
la situazione non mi piace, lavorando in proprio potrebbe almeno prendersi qualche ora per questi bimbi...cosa diventi madre a fare se poi li spupazzi in giro e non li vedi mai..?
un conto e' avere davvero la difficolta di dover per forza di cose lavorare tutto il giorno, ma se sei in casa, non lo accetto.
sono convinta che i figli hanno bisogno della presenza della madre e se tua figlia ti chiede un giro sullo scivolo con te, non glielo puoi negare e continuare a dirle che devi andare via perché la mamma deve tornare al lavoro..
anch io lavoro in proprio, ci tengo a precisare che in questo periodo c'e' crisi e quindi il lavoro si e' dimezzato, ma da quando mattia e' nato l ho sempre seguito e anche ora che va all asilo sono io che lo riprendo e mi fermo al parchetto , sono presente ..perche' io sono la madre e ha bisogno di me.

giovedì 13 marzo 2014

ma queste nuove moderne baby sitter, sono davvero brave?

ciao ragazze sono un po' mancata..,la primavera mi ha ha risucchiato mi sono messa a far pulizie particiolari in casa mia , sara contenta koko.
oltre le pulizie ho portato piu' spesso mattia al parco ed e' da qui che volevo partire a raccontarvi un po'.
dovete sapere che nel mio condominio molte mamme hanno la famosa baby sitter,  ce ne' una in particolar modo che mi e' sempre stata simpatica a viso..mi saluta sempre e quando c'e' da fermarsi a far una parola e' sempre la prima, ben venga io poi che sono un tipino sociale mi va a genio questa cosa..
ma da quando ha iniziato a frequentare il parco e quindi a parlare piu' amichevolmente , ho capito che come baby sitter non vale na mazza..
oppure ditemi voi...lei e' la tata di due bimbetti molto simpatici uno ha quasi sei anni l altro invece piu' piccolino e' il suo pupillo si vede da come lo guarda gli sorride e gioca.
l altro il fratello piu' grandicello e' un bimbo molto solare sorride sempre ed e' come dice lei molto educato..da quanche mese  ne ha un altro praticamente dall asilo ne preleva tre.
il terzo bimbo io lo visto un bimbo molto riservato un po' sulle sue, credo sia il suo carattere..io non ne farei un dramma, ma a quanto pare alla tata non gli va proprio giu' questo bambino, me ne ha parlato come fosse un delinquente e lo tratta pure male, mi ha descritto come un bimbo che non ascolta che sta sempre in disparte e che lo deve richiamare mille volte al giorno a differenza degli altri due che sono i cocchi di casa..
ora non sta a me giudicare la baby sitter perche' non l ho mai fatto in vita mia, ma ho una mia convinzione e che secondo me dovrebbe avere anche lei, ogni bimbo e' fatto a modo suo e se fai questo tipo di lavoro devi essere uguali per tutti non puoi permetterti di fare le differenze devi essere come se fossi la loro mamma e accettare ogni carattere e sopratutto non fare differenze.
io ho visto gli occhi di quel bimbo non voleva stare quella baby sitter, ogni volta lo richiamava mille volte in un ora..!
spero che la mamma di quel bimbo se ne accorga e che magari siccome il bimbetto non e' piccolissimo che provi a fargli capire che quella baby sitter non gli piace proprio.
e ora che ho visto e sentito tutto questo sono consapevole che se prima avevo una piccola ammirazione per quella tata ora non ce l ho piu' e non lascero' mai neppure se ne avrei bisogno, mio figlio cn quella persona.su questo ne sono certa.


martedì 4 marzo 2014

per essere una brava bloggher quali requisiti bisogna avere?

stavo cercando nel mio profilo i commenti, mi sono accorta che i post piu' seguiti sono stati alcuni su ..mamma ,capricci,togliere  pannolino e bam bam, ho notato che parecchie persone vegono leggono poi fuggono.
da anni coltivo questa passione,mi piace scrivere parlare di me..di mio figlio della mia vita da mamma.
oramai il giro che ho e' solo di super mamme bloggher che frequentano il mio spazio.
ho notato pero' che se tu non passi per qualche tempo nel loro regno,  poi non si passa piu' da me.
allora mi chiedevo tra me e me oggi...
come si fa a essere una brava bloggher? come si  fa a manetere vivo il nostrro spazio..?
conosco blog che hanno a migliaia di commenti su ogni post vengono visitati mille volte al giorno, come poi vegono poi piazzati in qualche classifica settimanale.
alla fine mi sono fatta la mia teoria personale..
per avere un blog vivo e assiduo...bisogna scrivere quasi ogni giorno, gli argomenti devono essere super commentabili, oltre poi essere capace di andare in giro a commentare cosi' ci si fa conoscere.
il template non  deve essere troppo impegnativo, come il nick che deve essesere semplice e ben memorizzabile.
di utenti qui ce ne sono passate davvero tante, poi non ho capito perche' alcune se ne sono sparite di punto in bianco eppure il loro blog esiste ancora...forse non trovavano piu' interessante quello che scrivevo? boh.
me ne sono fatta una ragione e ora neppure io passo piu' di li'..

ora cn un titolo cosi' dovrei avere tremila presenze nel mio blog...che dite, facciamo una prova.?