giovedì 8 luglio 2010

e' patetico

internet-dipendentepropio l altro giorno mi sono soffermata a leggere un blog che non metto per privace il nick ovviamente, comunque per fortuna non e' sulla mia lista amici.
detto questo...ho voluto scrivere questo post perche' volevo sapere il vostro parere su quello che ho letto e visto..e cioe'...
com e' possibile che una persona che lavora otto ore al giorno riesce a scrivere tutto il tempo su un blog propio nelle ore lavorative?
cioe' scusate..io forse non capisco, ma quando lavoro io mi dedico solo a quello non resto al pc tutto il giorno e riesco a mandare commenti di domande e risposte ogni cinque minuti, vuol dire che tu nick anonimo resto tutto il giorno nelle ore lavorative incollate a internet, che lavoro hai?...ma sopratutto chi ti paga?
non discuto il fatto che la crisi c'e' e ogni tanto una sbirciata e magari quAlche post scappa...ma non si puo' tutte le otto ore di lavoro.
per lo piu' magari dopo lamentarti del fatto che guadagni poco e hai un capo che e' un pirla...accidenti, magari capitasse a me un posto di lavoro che mi pagano cosi' bene (avevo letto la sua paghetta)e resto tutto il giorno a scrivere dei fatacci miei...
ok..si mi sono fatta i cavoli degli altri...ma essendo che mi ha colpito questa cosa, volevo sapere il vostro parere sul fatto se sia giusto oppure no.

 io quando lavoro lavoro...e non ho certo il tempo di scrivere 24 ore sul web.
secondo...credo che quella ragazza alla lunga possa anche scambiare il reale dal virtuale...altro sbagliatissimo punto.



per finire scrivo...la dipendenza da internet e' una droga..non dimendichiamolo ma questa e' un altra storia

28 commenti:

  1. Concordo su tutto quello che hai detto!Io non sarei nemmeno capace di guardare in faccia il mio capo se non facessi nulla tutto il giorno... è questione di onestà.

    RispondiElimina
  2. hai ragione, io nn ci riuscirei, però dipende pure dal lavoro, c'è gente ke nn ha niente da fare in un ufficio...

    RispondiElimina
  3. Oh, cacchio! Sono io! Ho postato stamattina, sto scrivendo qui, sono in ufficio e non sono nella tua lista!

    RispondiElimina
  4. Mmmmm...Beh, come dite voi, ogni tanto capita anche a me di passare su internet (vedi ora, eheh) ma tutto il tempo no..A volte mi capita che sto sbirciando e poi vengo presa dal telefono e dimentico le pagine aperte..ma vabbè..baciottolo

    RispondiElimina
  5. Ma sì, la mia era una battuta. Del resto sono le 18.30, sono ancora in ufficio e non uscirò prima delle 20... posso permettermelo un giro per i blog che preferisco!

    RispondiElimina
  6. Bho che dire o si lavora o si cazzeggia.Sicura che era al lavoro?Ma si facciamoci i fatti nostri prima di quelli degli altri.♥ Kiss vany

    RispondiElimina
  7. Io non mi sbilancerei. Anni fa scrivevo su un forum ed ero molto presente, anche nelle ore lavorative, ma in realtà la cosa non era così complicata: rinunciavo alle pause caffé, a volte facevo un pranzo veloce e passavo il resto della pausa al PC oppure mangiavo proprio davanti al PC, o, ancora, ci sono lavori che comportano tempi morti (pensa ad esempio all'elaborazione di certi dati: tu lavori, poi lanci il sistema di elaborazione e aspetti il risultato). Posso garantirti che è incredibile quanto tempo si trova sfruttando ogni pausa invece di cazzaggiare al caffé o coi colleghi... anche se loro finiscono per trovarti musone Adesso ho carichi di lavoro così pesanti che a volte non riesco nemmeno ad andare in bagnoper 4 o 5 ore, eppure, anche se molto meno di una volta, riesco a fare qualche capatina sul blog.Ecco perché in generale, anche se il caso che riporti te sembra una delle classiche eccezioni che confermano la regola, mi guardo bene dal criticare quelli che, apparentemente, passano tanto tempo su Internet 

    RispondiElimina
  8. .credo che dipenda dal tipo di lavoro.Pensa alle guardie che devono solo tenere sotto controllo un monitor per esempio, sai quanto tempo libero!!!poi è anche vero quello che dici te, di gente che se ne approfitta e qui pur non apprezzando Brunetta......

    RispondiElimina
  9. Grazie!Molto bello anche il tuo blog!Ne conosco molte di persone così...

    RispondiElimina
  10. Ci sono le relazioni pericolose, relazioni virutali, relazioni virtuose e le relazioni reali e tutto hanno lo stesso potenziale di cambiare etichetta; cosa voglio dire, che la teoria della relatività si può applicare ovunque e l'equilibrio va salvaguardato tra tutte queste relazione...perché la riva, non diventi deriva...ma tra dire e il fare c'è di mezzo il....;) buonagiornata, carissima

    RispondiElimina
  11. EH MIA CARA HAI PROPRIO RAGIONE...IL LAVORO E' LAVORO QUESTO DEVE ESSERE UN SOLO PASSATEMPO,ALTRIMENTI CHE DIVENTA UN ALTRO LAVORO PURE QUESTO?UN ABBRACCIO GRANDE DALLA TUA LADY. PS IERI TUTTO BENE PER GLI ESAMI E VENERDI GRANDE GIORNO.POI TI FACCIO SAPERE IN PVT OK.BACIOTTI ALLA PANCIOTTA

    RispondiElimina
  12. Ne abbiamo già parlato sul forum quindi sai come la penso.Per me il lavoro è sacrosanto. I cavoli propri uno dovrebbe farseli a casa.

    RispondiElimina
  13. Annina: non lo so, non lo so.Io sul lavoro ho eliminato la connessione proprio per evitare questo, però a volte mi capita di portare il lavoro da finire a casa (come oggi) e quindi ne approfitto!Dipendenza da internet? Direi che si salva ormai solo il 20 % degli internauti. Pensa che negli Stati Uniti ci sono già dei centri di recupero, come per i tossici. E' un malessere che porta se disconnessi ad una diminuzione del livello di interesse generale, e conseguentemente all'inattività familiare, sociale, scolastica e lavorativa.Il problema? Sta diventando una malattia crescente, non è più una semplice dipendenza.

    RispondiElimina
  14. Ciao carissimainternet può essere anche un secondo lavoro, esistono anche gli intrattenitori e animatori vari.Si va verso un mondo tecnologico e forse la paura è proprio scambiare il reale con il virtuale.L'anonima è una multitasking secondo me e riesce a svolgere entrambe le coseCiao ti aspetto sul mio blog

    RispondiElimina
  15. ...Premetto che, vista l'immagine,soggiungo che in internet si trovano anche altre specie di dipendenze......Circa il contenuto del tuo post mi trovi perfettamente allineato con te. Trattasi di un malcostume che in molte aziende e in molti uffici viene combattuto e...infatti se noti bene c'è un notevole calo di bloggers e non credere che ciò sia dipeso soltanto dalla fuga verso i social network. E' dipeso anche dai controlli cui sono sottoposti nel posto di lavoro:-)

    RispondiElimina
  16. Oh, è prassi comune!Nun te la pijià.... così va il mondo.ciao ciao, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  17. ..sai che c'è? ma fregatane dai ;o)  felice weekend

    RispondiElimina
  18. Anninaio ho lavorato fianco-fianco con una tipa simile, sapessi che rodimento di fegato!io che non alzavo la testa dalle scartoffie.....ma, siccome queste persone sono scaltre, trovavano sempre il modo per sembrare indaffarate, lasciando tutto sparso sulla scrivania..... così che "il padrone" vedesse quanto impegno aveva sul lavoro.Boh, non lascio commenti è disgustoso però.......Quando si lavora, si lavora epperdincibacco!!!!!!Buon sabatoMarj

    RispondiElimina
  19. No non è giusto, difatti sul lavoro bisogna agire con onestà e chi sottrae il tempo al lavoro, per fare cose al di fuori di esso, non è una persona onesta.Hai perfettamente ragione Annina..sono con te.

    RispondiElimina
  20. buona domenica e ciaooooooooo

    RispondiElimina
  21. si vede che non fà una mazza in ufficio!!hahaBuona Domenica da Runa*

    RispondiElimina
  22. Bel modo di lavorare, non c'è che dire...!Purtroppo però è una situazione piuttosto comune, almeno qui in Italia...squallido ma vero!Buona serata, cara!!

    RispondiElimina
  23. è tutto giusto ciò che dici...però molto dipende anche dal tipo di lavoro che uno fa, e dai suoi tempi...la dipendenza esiste, eccome..su FB addirittura è un lavoro...c'è gente che riesce a stare su diversi network conremporaneamente, non chiedermi come facciano..o gente che è collegata 24 ore al giorno...mah...qui è bello, ma come tutte le cose belle, deve avere i suoi tempi definiti, come sempre, il troppo stroppia,..e poi chisà come mai, i pcdipendenti sono anche i piu cattivi...forse la ddipendenza li rovina...buona giornata e un bacione a te e alla creatura...

    RispondiElimina
  24. L'importante è avere una misura su tutto...un salutone

    RispondiElimina
  25. Dipendenza da mouse? beh è proprio un problema degli ultimi tempi ...specie per i più giovani.Buon inizio settimana Anna un

    RispondiElimina
  26. Effettivamente ci sono persone che trovi in rete a qualsiasi ora , saranno dipendenti statali ? Che cattiva che sono !Xò ne conosco talmente tante cosi e che stanno a casa in mutua xchè magari gli si è spezzata l' unghia ! Xò a chattare non hanno problemi neanche con l' unghia rotta ...

    RispondiElimina

attenzione : Ho tolto i captcha, fallo anche tu!!